Home / ALTRI SPORT  / BASKET  / BASKET A2: SONORA SCONFITTA A VIAREGGIO PER LA CARPEDIL

BASKET A2: SONORA SCONFITTA A VIAREGGIO PER LA CARPEDIL

????????????????????????????????????

Regge fino a un certo punto l’alibi delle tantissime assenze. A Viareggio una Galletto Carpedil senza Russo, Costa, Trimboli, Diouf e Sapienza, né tantomeno Tagliamento e con Rauti in distinta pro forma, più Costabile febbricitante, perde in maniera fragorosa (95-39), restando ancorata all’ultimo posto in classifica con 4 punti e vedendo le locali, anch’esse in lotta per la salvezza, balzare a quota 10. All’andata le granatine avevano trovato il primo successo stagionale, al ritorno le toscane rendono pan per focaccia: una dèbacle che manda su tutte le furie il presidente Angela Somma.
Pleonastico parlare dell’andamento del match, sarà decisivo reagire a partire dal prossimo turno in casa contro la Guarnieri Tour Operator Brindisi (sabato ore 19:30) per fare risultato contro una diretta concorrente: le pugliesi sono uscite sconfitte dal match interno contro Castel San Pietro (51-65) ed ha perso anche Ancona (25-71 in casa contro Palermo). Marchigiane e brindisine restano quindi penultime con 6 punti e Salerno non può lasciarsi sfuggire l’opportunità di agganciare nuovamente il gruppetto di coda, magari recuperando buona parte delle atlete che non hanno partecipato alla spedizione viareggina.

TABELLINO – PALLACANESTRO VIAREGGIO-GALLETTO CARPEDIL SALERNO 95-39 (20-10; 43-20; 77-29)
VIAREGGIO: Bindelli 19, Tamagnini 2, A. Sinagra 2, Bozic 16, Iannucci 35, Cotalini, Bertucci 9, Villarini 7, Tripalo9, Collodi, R. Sinagra ne. All: Orlando.
SALERNO: Assentato 9, Rauti ne, Diop, Di Donato, Costabile, Dentamaro 2, Pastena 2, Fabbricini 8, Patera 8, De Mitri 4. All: Gibboni-Braida.
Arbitri:  Riccardo Pilati e Fabrizio Suriano di Torino
NOTE. Uscita 5 falli: De Mitri (S).  Falli fatti: 17-14. Rimbalzi: off 19-4, dif 18-13. Palle rec: 24-8. Tiri da 2: 32/46 (V), 10/16 (S). Tiri da 3: 5/21 (V), 1/10 (S). Liberi: 16/21 (V), 10/16 (S).

Il pugile: “Come sto andando?”. L’allenatore: “Se l’ammazzi fai pari”. (Beppe Viola)