Home / EDITORIALE  / IL BELLO DELL’INFORMA….ZIONE

IL BELLO DELL’INFORMA….ZIONE

Informa-Sport

Siamo partiti insieme tanti anni fa, il mio amico Dario Rago, aveva in mente questo progetto di creare un giornale che potesse dare un’informazione “vera” non di parte. Quando me ne parlava sembrava uno fuori dal mondo, come mi chiedevo, sei capace di rinunciare ad uno sponsor “come quello li sul tuo giornale, non pensi ai costi?”.
Lui mi diceva: “Guarda Alfonso, quelli poi ti costringono a distorcere la realtà dei fatti, quei prodotti non fanno bene alla salute, soprattutto se non sai dosarli e, in mano di uno non esperto, possono essere dannosi”.
Un folle, ma di quelli che ti cambiano le cose e ti indirizzano nella giusta strada.
Noi siamo amici da sempre, abbiamo un legame forte che ci unisce, dalla gioventù spensierata ai problemi di adulto. Una cosa sola non ci separa, la lealtà e il voler fare bene le cose che facciamo.
Lui è riuscito, oggi non è solo un affermato imprenditore, ma anche una persona che studia e si aggiorna per far si che il servizio che offre alla sua clientela sia di un livello qualitativo superiore alla media nazionale.
Tanti riconoscimenti in questi anni di vita della rivista e poi sito on line, tanti sacrifici, che lui di tanto in tanto mi raccontava. Chilometri percorsi in lungo e in largo per migliorarsi e migliorare il proprio prodotto.
Quando ho deciso, insieme all’amico Angelo Ferraro, di metter in piedi questo sogno non ho potuto far almeno di contattarlo e di chiedere una collaborazione. Lui, con la sua rivista, ci può dare una mano a far capire cosa e come è meglio prepararsi nello sport, quali alimenti evitare, come migliorare la postura, insomma tante piccole cose che piano piano cercheremo di trasmettere attraverso questa sinergia, che nasce oggi, ma che ci lega come un cordone ombelicale dalla nostra gioventù.
Ecco il pezzo di presentazione del nostro sogno sul portale www.rivistainforma.it

http://www.rivistainforma.it/il-bello-dellinforma-zione/

Il pugile: “Come sto andando?”. L’allenatore: “Se l’ammazzi fai pari”. (Beppe Viola)