Home / ALTRI SPORT  / CALCIO A 5  / L’ ALMA SALERNO CHIEDE AIUTO AL PUBBLICO SALERNITANO PER SPERARE NELL’IMPRESA DI BATTERE L’ORTE

L’ ALMA SALERNO CHIEDE AIUTO AL PUBBLICO SALERNITANO PER SPERARE NELL’IMPRESA DI BATTERE L’ORTE

danilo spisso - alma salerno

A poche ore dalla sfida alla corazzata Orte, in programma sabato 30 gennaio alle ore 15 al Pala Tulimieri, l’Alma Salerno rischia di pagare dazio ai nuovi acciacchi di stagione. Mister Mainenti potrebbe perdere l’attaccante più prolifico, Danilo Spisso, alle prese con una fastidiosa infiammazione agli adduttori, e il difensore Francesco Pacileo, uno dei giocatori di maggiore carisma, il vice capitano. Sarà decisiva la rifinitura che i granata s’apprestano a sostenere al Pala Tulimieri. Mainenti, che confida di recuperare almeno uno dei due calcettisti, scioglierà le riserve in extremis, ma tiene in caldo altri under 21 per garantirsi rotazioni a sufficienza. Ritorna a disposizione, invece, il difensore Milito che aveva saltato per virus influenzale la sfortunata trasferta di Isernia.
Nel momento più delicato della stagione, l’Alma Salerno si compatta e chiede aiuto al pubblico salernitano. «In molteplici occasioni, il Pala Tulimieri s’è rivelato nostra arma in più, prezioso alleato nella corsa alla salvezza – ricorda il dg dell’Alma Salerno, Antonio Peluso – in casa nostra, la squadra si trasforma e dà qualcosa in più, sospinta anche dai tifosi che mai ci hanno fatto mancare il proprio apporto. E’ importante che ve ne siano tantissimi contro l’Orte, migliore attacco del girone con 71 gol, perché i ragazzi hanno bisogno di rosicchiare altri punti preziosi. Seguiremo a distanza lo scontro diretto Campobasso-Saviano. Questa partita ci vede terzi interessati, perché si scontrano la penultima e l’ultima in classifica. Facciamo la corsa in particolare sul Campobasso e un loro eventuale passo falso, unito magari a una nostra impresa, frutterebbe punti di platino in chiave salvezza».
Ufficio Stampa

Il pugile: “Come sto andando?”. L’allenatore: “Se l’ammazzi fai pari”. (Beppe Viola)