Home / ALTRI SPORT  / CALCIO A 5  / LA SALERNITANA FEMMINILE NON RIESCE NELL’IMPRESA DI “SGAMBETTARE” LA CAPOLISTA LAMEZIA

LA SALERNITANA FEMMINILE NON RIESCE NELL’IMPRESA DI “SGAMBETTARE” LA CAPOLISTA LAMEZIA

salernitana femminile calcio a 5

Una gagliarda Salernitana Femminile subisce un’immeritata sconfitta per 3-2 contro il capolista Royal Team Lamezia, nel match della 12a giornata valido per il Girone D, valido per il Campionato Nazionale di Serie A2. Una partita che, per gran parte dei 40 minuti effettivi, è stata in mano alla formazione granata, capace di portarsi subito sul doppio vantaggio, per poi essere ripresa per colpa di due sfortunate autoreti, e clamorosamente sorpassata ad un minuto dalla fine su calcio rigore, concesso alle padroni di casa ai limiti della generosità.
Un risultato che non vanifica l’ottima prova della Salernitana, che su un campo molto difficile, ha giocato alla pari se non meglio della prima in classifica, dimostrando come le ragazze di mister Taffarel hanno raggiunto la piena maturità dei propri mezzi.
LA CRONACA
Passa solo un minuto che la Salernitana è già in vantaggio: Diodato fa il suo classico movimento sulla destra, dribbla un avversario e scarica in porta la rete dell’1-0. E’ una Salernitana pimpante nei primi minuti: Pisani e D’Angelo vanno vicino al raddoppio, poi la stessa Pisani si mette in proprio, recupera palla a centrocampo, e con una ripartenza fulminea piazza il 2-0 all’8’, siglando la sua seconda rete consecutiva dopo quella nel derby contro l’Afragirl.
La partita sembra mettersi sul binario giusto: Losurdo riceve in pochi minuti un doppio giallo per due falli di nervosismo nei confronti del neo acquisto granata Lara D’Amato, all’esordio con la sua nuova maglia. Le granata, però, non riescono a sfruttare i due minuti di superiorità, e la Royal rientra in parità numerica conscia del fatto di aver scampato un grande pericolo.
Rete che arriva quasi fortuita a quattro minuti dal termine del primo tempo su un calcio di punizione battuto dalla sinistra: Fragola scodella in mezzo, la palla arriva sulle gambe di Lanza e finisce in rete nel pià classico delle autoreti. Nel finale un occasione per parte: prima Ierardi, libera sul secondo palo, manda la palla clamorosamente a lato. Poi proprio negli ultimi secondi, D’Amato dribbla due avversari e si invola a tu per tu con Ceravolo che con il piede riesce a fermare la numero 8 sul più bello.
Ripresa che segue con lo stesso canovaccio tattico del primo tempo: la Royal gestisce il possesso, la Salernitana colpisce in ripartenza sfruttando le lacune difensive della squadra di casa. Al 1’ Diodato prova a ripetere l’azione del primo gol, ma stavolta Ceravolo è attenta e respinge. 3’ minuti più tardi, è ancora il capitano granata ad essere pericoloso, stavolta però è il palo ad evitare il terzo gol granata. La Salernitana continua a calciare ed essere pericolosa: al 8’ Pisapia scarica il destro, e solo un miracolo di Ceravolo le nega la gioia del gol. Al 10’ invece ci prova D’Angelo dalla distanza, palla che scheggia la traversa.
Nel momento di maggior pressione della Salernitana però, arriva il gol del 2-2: Ierardi riceve palla dopo uno scambio ravvicinato ai limiti dell’area, trova il destro vincente, complice però una netta deviazione della difesa granata che spiazza Lanza.
Le granata non demordono, e continuano a giocare e creare occasioni. Il match-ball arriva per due volte sui piedi di Pisani, che prima coglie un clamoroso palo a pochi passi dalla porta di Ceravolo. Pochi secondi più tardi, servita in contropiede da Diodato, dribbla il portiere ma al momento del tiro trova l’opposizione della difesa del Lamezia che era rientrata a difesa della porta sguarnita. La partita sembra indirizzata ad un pareggio, ma ad un minuto arriva la beffa: dopo una corta respinta di Lanza, Pisani anticipa di corpo l’attaccante del Lamezia, che cade a terra in area. L’arbitro assegna il rigore, a nostro avviso molto generoso. Batte Fragola, che supera Capuano, entrata a sostituire l’infortunata Lanza, regalando alle proprie compagne una decisiva vittoria verso il primato del Girone D.
TABELLINO DEL MATCH
ROYAL TEAM LAMEZIA-SALERNITANA FEMMINILE 3-2(1-2 P.T)
ROYAL TEAM LAMEZIA: Ceravolo, Losurdo, Fragola, Primavera, Corrao
Sabatino, Leone, Ierardi, De Sarro, Guerra. All. Ragona
SALERNITANA FEMMINILE: Lanza M., Lanza L., D’Angelo, Pisapia, Diodato
Pesce, Moscillo, D’Amato, Pisani, Capuano, Capolupo, Borrelli. All. Taffarel
MARCATRICI: 1’ p.t. Diodato(S), 7’49’’p.t. Pisani(S), 15’58’’p.t. Autorete(L), 11’53’’s.t. Ierardi(L), 19’s.t. Fragola(L)
AMMONITE: D’Amato, Pisani(S)
ESPULSE: Losurdo(L)
ARBITRI: Carmelo Loddo(Reggio Calabria), Ferruccio Prisma(Crotone). CRONO: Fabrizio Colosimo(Catanzaro).

C’è qualcosa che accomuna arbitri e radiocronisti. Entrambi usano i loro occhi e la loro esperienza per fare il loro lavoro: decidere e raccontare una partita. Dentro lo stadio; in campo gli uni, in tribuna gli altri. Non sul divano di casa o in uno studio TV con 24 telecamere e decine di replay. Decidono e raccontano in tempo reale, cercando di capire e rischiando di sbagliare. (Riccardo Cucchi)