Home / CALCIO  / SERIE B  / SALERNITANA 1919  / LA SALERNITANA UNDER 15 SBANCA PALERMO E SOGNA I PLAY OFF

LA SALERNITANA UNDER 15 SBANCA PALERMO E SOGNA I PLAY OFF

Salernitana sbarca e sbanca Palermo con un 4 a 2 meritato e ben studiato tatticamente. Una vittoria che non è frutto del caso ma che nasce dalle scelte tattiche di mister De Santis che stravolge gli equilibri iniziali.
Una lettura della gara vincete e convincente che permette alla Salernitana di entrare con prepotenza in zona play off agganciando i cugini dell’Avellino che hanno impattato in casa conto la Roma per 1 a 1 e portandosi ad un solo punto dal Palermo. Ora la corsa a 4 (l’altra squadra in corsa è il Frosinone) per due posti disponibili è rimandato all’ultima giornata di campionato quando, gli incroci finali, potrebbero ridisegnare la classifica e ridare speranza a chi, fino ad ieri, ne aveva poche.
La gara vede i granata passare in vantaggio dopo appena 6 minuti di gioco grazie alla realizzazione di Sangiovanni. La Salernitana sogna. Il Palermo cerca di mettere la gara sulla fisicità che è la caratteristica principale della formazione siciliana.
Il pareggio arriva al 29′ grazie a Verdile. Raggiunto il pari le squadre vanno nello spogliatoio. Tra primo e secondo tempo arriva la svolta. Il mister De Santis pensa già alla prossima mossa e manda a riscaldare Salerno, attaccante brevilineo che può mettere in difficoltà la difesa di casa. La mossa vincete è servita al 5′. Salerno in campo a fargli spazio Fresa. Bastano 4 minuti e la Salernitana passa di nuovo in vantaggio. Questa volta è Dammarco ha trovare la via della rete. I festeggiamenti durano pochi minuti perchè all’11’ minuto Liga riporta la contesa in perfetta parità.
La Salernitana però da l’impressione di aver rotto, comunque, gli equilibri e tolte le certezze ai ragazzi in maglia rosa.
Al 14′ il neo entrato Salerno conclude quello che il mister gli aveva chiesto, vale a dire, mettere in difficoltà con la sua velocità la difesa siciliana e lo fa, appunto, siglando la rete del vantaggio. Poi sarà Citarella, al 39′, chiudere i conti e poter festeggiare una vittoria che potrebbe significare molto per il loro futuro.

“A volte un vincitore è semplicemente un sognatore che non ha mai mollato” 
(Nelson Mandela).