Home / CALCIO  / Moro e Franco: “Domani lotteremo per superare, insieme, questo momento difficile”

Moro e Franco: “Domani lotteremo per superare, insieme, questo momento difficile”

moro

“Sappiamo che il momento non è dei migliori, ma abbiamo il dovere di tentare la risalita, il morale non è alle stelle ma dobbiamo farci forza. Noi calciatori sappiamo che possono esserci momenti belli e meno belli. Io credo che ci siano tutti i requisiti per affrontare e superare questo momento difficile. Siamo pronti per questo girone di ritorno”. Così Moro in conferenza stampa oggi che continua: “Sono contento e felice di restare, ho rinnovato da poco. Sarò un giocatore che lotterà per ritagliarsi il suo spazio”.
Su Torrente che rischia la panchina: “Giocheremo per tutti, per la città, per noi ed anche per il mister. C’è un ottimo rapporto con lui e quindi avremo un motivo in più per gioire in caso di vittoria”.
Su Ronaldo: “E’ un ottimo giocatore dotato di piede e visione, spero che faccia un grande campionato per il bene della Salernitana”.
Anche Franco ha messo al centro della sua conferenza stampa la voglia di centrare la salvezza: “E’ un periodo particolare e siamo tutti sotto esame. Il mister ci sta trasmettendo le sue idee e domani dovremo dare qualcosa in più per venire fuori da questa situazione. L’obiettivo è quello di raggiungere la salvezza e faremo di tutto per riuscirci”.
Sul mercato che lo riguarda: “Ora ci sono interessamenti da parte di tante società che provano a rinforzarsi. Io penso che dobbiamo essere dei professionisti fino in fondo, e se la Salernitana sta cercando un terzino sinistro poco importa, dobbiamo pensare solo al bene della squadra. Ho accettato con entusiasmo questo progetto e lo vivo con la stessa felicità”.
Sulla gara di domani e sulla possibilità di tornare alla difesa a quattro: “Il modulo conta poco, l’importante è mettere in campo la voglia di vincere”.
Il Brescia non è squadra facile: “Gioca benissimo a calcio e lo sta dimostrando. In avanti hanno un attaccante di spessore come Caracciolo e dovremo stare attenti sugli esterni e fare la nostra partita per mettere in difficoltà i nostri avversari“.

Il pugile: “Come sto andando?”. L’allenatore: “Se l’ammazzi fai pari”. (Beppe Viola)