Home / ALTRI SPORT  / CALCIO A 5  / PER IL VIS FONDI C5 FEMMINILE UN PAREGGIO AL CARDIOPALMA

PER IL VIS FONDI C5 FEMMINILE UN PAREGGIO AL CARDIOPALMA

Anche se sotto di un goal le rossoblu avevano reagito bene agli inizi della gara contro le cagliaritane dello Jasnagora. Domenica al Palazzetto dello Sport di Fondi la Vis Fondi di calcio a 5 femminile si è trovata invece poi a gestire una partita che definire al cardiopalma è poco. Scese in campo per il quartultimo match del campionato di serie A2, le fondane si giocavano il tutto per tutto contro le avversarie che sostavano ad un solo punto sotto di loro in una zona che non si può definire ancora sicura. Dopo un inizio scoppiettante delle padrone di casa che sembravano aver curato la sindrome dei primi minuti in down, arriva la doccia fredda del vantaggio dello Jasnagora. Ma le rossoblu non demordono e non solo pareggiano, ma si portano addirittura in vantaggio con una doppietta della nipponica Ai Haruyama, che porterà a casa (individualmente) alla fine, una partita straordinaria. Si va al riposo con un vantaggio che fa ben sperare. La ripresa invece porta con se eventi nefasti. Vengono espulsi in sequenza la rossoblu Federica Marzi, colpevole dopo essere stata stesa dall’avversaria di aver preso la palla con le mani, e il mister Emilio Cibelli per aver protestato, e come se non bastasse si infortuna anche la talentuosa Sofia Azevedo. La Vis Fondi con una calciatrice in meno subisce il goal del 3 a 2 e in successione anche il quarto. Si delinea una domenica ancor peggiore delle ultime. Il vice allenatore Federico Ercole a tre minuti dalla fine si “gioca” la carta del portiere di movimento che in questo caso è rappresentato da Rute Lavado che poco dopo insacca la rete numero tre per le fondane. Ma il vero capolavoro lo fa ancora Ai Haruyama che a sette secondi dallo scadere del tempo con un euro-goal segna il pareggio insperato, visto gli episodi, per la Vis Fondi che raccoglie un punto prezioso e si porta a quota 19.

"Il bello dello sport" è un giornale sensibile, innovativo e fuori dagli schemi (Sanderra)