Home / ALTRI SPORT  / BASKET  / CARPEDIL DUE PARTITE CON L’OBIETTIVO PLAY OUT

CARPEDIL DUE PARTITE CON L’OBIETTIVO PLAY OUT

Due partite al termine della stagione regolare, obiettivo playout per giocarsi lì la salvezza. Dopo la mini sosta per la Pasqua e i due turni esterni di fila, la Galletto Carpedil Salerno Basket ‘92 torna sul parquet amico del PalaSilvestri, dove domani sera (sabato 2 aprile alle ore 19:30, ingresso gratuito) ospiterà la Magika Castel San Pietro. Vero e proprio testacoda, la terzultima (10 punti) che attende la terza (30) in classifica nel campionato di Serie A2 femminile. Arbitreranno il match Rebecca Di Marco di San Giovanni Teatino (CH) e Claudia Ferrara di Napoli.
All’andata le granatine persero in casa delle felsinee non sfigurando (57-45). Stavolta, alla penultima di regular season, proveranno ad allungare in classifica su Brindisi ed Ancona che sono sotto solo di due punti: l’obiettivo è andare ai playout ed evitare l’ultimo posto che significa retrocessione diretta. “In queste ultime due partite dobbiamo cercare di fare almeno una vittoria per stare più tranquille e non aspettare i risultati delle altre, se vogliamo concretamente allontanarci dall’ultimo posto”, ammonisce coach Sara Braida, che dovrà fare sicuramente a meno dell’infortunata Rauti. In dubbio Sapienza, precauzionalmente ferma in settimana, le cui condizioni sono da verificare. Si rivedranno invece Costa, Russo e Trimboli.
“Castel San Pietro è squadra ben organizzata e ben allenata – continua Braida – Hanno grandi individualità, tra cui Santucci, Pieropan, Brunetti e Zanolla. Dovremo essere brave a controllare i ritmi di gioco ed eliminare un po’ di palle perse che ci hanno condizionato per tutta la stagione. A Ferrara ho visto segnali positivi, speriamo di riprendere con la stessa fiducia”. La Galletto Carpedil chiuderà la stagione regolare il 9 aprile in casa della Matteiplast Bologna.

Comunicato Stampa
Responsabile Comunicazione
 Alfonso Maria Avagliano – 3403710729

alfonso.pierro@libero.it

“A volte un vincitore è semplicemente un sognatore che non ha mai mollato” 
(Nelson Mandela).