Home / APPROFONDIMENTI  / Džuljeta Tamsone: “lavoro per far diventare pro diversi calciatori dell’est Europa”

Džuljeta Tamsone: “lavoro per far diventare pro diversi calciatori dell’est Europa”

“Ho smesso di giocare ed ora svolgo il ruolo di agente. Voglio scandagliare il mercato dell’Europa dell’Est del calcio femminile e aiuto diversi giocatori di talento a giocare all’estero. Ora lavoro con uno dei giocatori più talentuosi della Lettonia e stiamo cercando di farlo diventare un calciatore professionista. Altri miei assistiti sono giocatori della nazionale russa e ucraina”.

E’ Džuljeta Tamsone, lettone, 21 anni, ex calciatrice ed oggi, come lei spiega, è un agente di calcio.

Ma non sei troppo giovane per cominciare questo tipo di professione?

“Sì, ho 21 anni, ma secondo me è un vantaggio perché avendo finito presto di giocare conosco tutti i giocatori e loro conoscono me. Questo mi rende facile stabilire collegamenti con i giocatori, e, poi, i club sono interessati sui talenti che gestisco, sull’atteggiamento, sulla passione e sulle capacità comunicative”.

Il suo vantaggio:  “Nessuno lavora con questi mercati, quindi lo farò, abbiamo bisogno di giocatori professionisti in paesi come la Lettonia e altri, al fine di procedere nello sviluppo del calcio femminile, se nessuno li aiuta, nessuno dei giocatori crede che sia possibile. Quindi ho deciso di superare il mercato. Non è il mio lavoro, è la passione che faccio, non i soldi al primo posto”.

Sei stata anche in Italia, nella precisione a Torino, vero?

“Sì, ero alla Juventus per un incontro, mi piace la visione del calcio che ha la Juventus e il suo modo di procedere nella ricerca dei talenti”.

Facciamo un passo indietro, ci racconti la tua storia?

“Ho giocato per l’SK Liepajas Metalurgs (la squadra nella mia città Liepaja, sono stati campioni della Lettonia per cui ho giocato in Champions League). In seguito al fallimento del club a causa delle difficoltà economiche del nostro sponsorche ha prodotto grandi cambiamenti in città, il calcio femminile è stato salvato da nuove persone che hanno creato il club FK Liepaja. In seguito, mi sono trasferita nel Regno Unito, mentre andavo all’università a Nottingham Trent University, ho giocato per la prima squadra dell’università ed ho ottenuto una borsa di studio nel calcio. Parallelamente, ho giocato per la squadra locale di Notts County Ladies, la squadra ha giocato nella Women’s Super League e aveva giocatori della nazionale inglese. È stata una grande esperienza allenarsi con i giocatori della nazionale inglese e giocare contro squadre come le riserve del Manchester City. Penso che nessuna ha raggiunto, come donna, nel mio paese. Tuttavia, il team ha nuovamente affrontato problemi finanziari, il club Notts County stava investendo nella squadra in termini di stipendi, ma non poteva ottenere di più dalle entrate, quindi il CEO decise di sbarazzarsi della squadra femminile a Notts County. Questo è stato pazzesco dal lato della gestione. Dopo di allora ho continuato a giocare per l’università e mi sono allenato un po’ con il Nottingham Forest Ladies. In seguito sono andato all’università partner in Germania, EBS Universität für Wirtschaft und Recht, poiché sto prendendo una doppia laurea. Pensavo di finire la carriera in Mz, mi sono data un ultima possibilità e sono andata a giocare nella seconda squadra dell’FFFF Frankfurt, visto che ho già 21 anni e le regole stavano cambiando. In Bundesliga solo 3 giocatori oltre i 20 anni sono autorizzati a giocare nelle seconde squadre e per questa ragione non mi hanno potuto offre un posto. Ho deciso di finire la mia carriera, per aiutare altri giocatori, che sono disposti a diventare professionisti e hanno tutte le potenzialità, ma non c’era nessuno che potesse aiutarmi. Ma sono riuscita a diventare un agente o un intermediario diciamo, sono attiva dal giugno 2018 e ho già avuto molti contatti e viaggi di lavoro a Madrid, Milano e Monaco. Cerco di aiutare delle giocatrici provenienti dall’Europa dell’Est, dove non c’è nessuno che lavori per loro. Ora sono alla ricerca di talenti sul mercato dell’Europa orientale, nei paesi degli Stati baltici, Russia e Ucraina. La società si chiama AS Sport Management, che il mio collega ha creato. Abbiamo diverse idee da sviluppare: il calcio femminile, stage per allenatori e dirigenti, tornei, campi e studio. Tutti questi progetti sono incentrati sulla Germania, poiché io e il mio collega abbiamo sede in Germania, un’eccezione è il calcio femminile, che è un progetto Internazionale. L’obiettivo è quello di collegare la Germania e l’Europa dell’Est e dare l’opportunità a manager, allenatori”.

ENGLISH VERSION

“I quit playing and now I have the role of an agent, I want to plumb the Eastern European women’s soccer market and help several talented players to play abroad, and I’m working with one of the most talented players in the Latvia and we are trying to make it a professional football player, my other assistants are players of the Russian and Ukrainian national team.”

And ‘Džuljeta Tamsone, Latvian, 21 years old former player and today, as you explain, is a football agent.

But are not you too young to start this kind of profession?

“Yes, I’m 21 years old, but I think it’s an advantage because I’ve played all the players and they know me, which makes it easy for me to establish connections with the players, and then the clubs are interested in the talents I manage, on attitude, passion and communication skills “.

His advantage: “No one works with these markets, so I will, we need professional players in countries like Latvia and others, in order to proceed in the development of women’s football, if nobody helps them, none of the players believe that it is possible So I decided to overcome the market, it’s not my job, it’s the passion I do, not the money in the first place “.

You were also in Italy, in Turin, right?

“Yes, I was at Juventus for a meeting, I like the vision of Juventus football and its way of proceeding in the search for talent”.

Let’s take a step back, tell us your story?

“I played for SK Liepajas Metalurgs (the team in my city Liepaja, they were Latvian champions for which I played in the Champions League.) Following the bankruptcy of the club due to the financial difficulties of our sponsor who produced big changes in the city, the women’s football was saved by new people who created the club FK Liepaja, later I moved to the UK while I was attending university at Nottingham Trent University, I played for the first team of the I got a scholarship in football, and I played for the local Notts County Ladies team, the team played in the Women’s Super League and had the English national team, it was a great experience to train with the national team players. English and play against teams like the reserves of Manchester City I do not think anyone has achieved as a woman in my country, but the team has once again faced financial problems, the Notts County club was investing in the team in terms of salaries, but could not get more out of revenue, so the CEO decided to get rid of the women’s team in Notts County. This was crazy on the management side. After that I continued to play for the university and I trained a bit with the Nottingham Forest Ladies. Later I went to the partner university in Germany, EBS Universität für Wirtschaft und Recht, as I am taking a double degree. I was thinking about finishing my career in Mz, I got a last chance and I went to play in the second team of the FFF Frankfurt, since I’m already 21 and the rules were changing. In the Bundesliga only 3 players over 20 are allowed to play in the second teams and for this reason they could not offer me a place. I decided to finish my career, to help other players, who are willing to become professionals and have all the potential, but there was nobody who could help me. But I managed to become an agent or an intermediary let’s say, I have been active since June 2018 and I have already had many contacts and business trips to Madrid, Milan and Munich. I try to help players from Eastern Europe, where there is no one working for them. Now they are looking for talent on the Eastern European market, in the countries of the Baltic States, Russia and Ukraine. The company is called AS Sport Management, which my colleague has created. We have several ideas to develop: women’s football, stage for coaches and managers, tournaments, camps and study. All these projects are focused on Germany, since my colleague and I are based in Germany, an exception is women’s football, which is an international project. The goal is to connect Germany and Eastern Europe and give managers, coaches the opportunity “.

“A volte un vincitore è semplicemente un sognatore che non ha mai mollato” 
(Nelson Mandela).