Home / ALTRI SPORT  / Ilaria Galbusera insignita Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Ilaria Galbusera insignita Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

laria Galbusera, 27 anni è Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana con la seguente motivazione: “Per l’impegno e la passione con cui fa dello sport uno strumento di conoscenza e inclusione delle diversità”.
Capitano della Nazionale Femminile Volley sorde, medaglia d’argento ai Deaflynmpics 2017, Giochi dedicati agli atleti sordi (leggi nostra intervista):

ILARIA GALBUSERA, MEDAGLIA D’ARGENTO ALLA DEAFLYMPICS E ISTANCABILE PROMOTRICE DI INIZIATIVE SOCIALI. LA STORIA

Ha una sordità congenita ereditaria ed è cresciuta fra due mondi: mamma udente e papà sordo. La Nazionale si fece conoscere grazie ad un video dove la squadra  “canta” l’Inno d’Italia nella lingua dei segni, video che ha fatto il giro del web ed ha fatto conoscere la realtà della Nazionale Volley sorde.  Ma la sua notorietà e il suo impegno per la lotta all’integrazione la dimostra quando da regista racconta il mondo dello sport sordi attraverso un documentario: «Il rumore della vittoria» (leggi nostro articolo).

“RUMORE DELLA VITTORIA”: LA STORIA DI SEI GIOVANI ATLETI SORDI CHE INDOSSANO LA MAGLIA AZZURRA

L’ultima iniziativa di Ilaria si chiama «Champions’ Camp»: sono campi estivi sportivi per ragazzi sordi e udenti insieme che condividono non solo una vacanza ma un progetto educativo, anche il questo caso il nostro magazine ha seguito il progetto raccontandone le idee e le esperienze vissute. Un articolo che esterna in modo palese il suo concetto di sport ed integrazione.

SPORT E INTEGRAZIONE: IL “CAMPUS” CHE HA ROTTO LE BARRIERE DELL’INDIFFERENZA

Ad Ilaria vanno i complimenti della nostra redazione e la vogliamo segnalare anche per la sua grande umiltà ma, nonostante, non ha mai voluto farsi “tanta pubblicità personale”, è riuscita ad aprire una breccia importante nel mondo dello sport e dell’integrazione.

“A volte un vincitore è semplicemente un sognatore che non ha mai mollato” 
(Nelson Mandela).