Home / ALTRI SPORT  / CALCIO A 5  / La Salernitana femminile di calcio a 5 non sa più vincere

La Salernitana femminile di calcio a 5 non sa più vincere

Nella Seconda Giornata del Coppa Italia di Serie A2, la Salernitana Femminile non riesce a superare il Futsal Nuceria, che si impone al “Palacoscioni” per 5-3, perdendo la possibilità, quindi , di continuare la sua avventura in Coppa.
Una partita di cuore e coraggio, che non è bastata però alle granatine per invertire l’andamento del match. Le ragazze di mister Taffarel, sono riuscite a recuperare per ben tre volte lo svantaggio, prima di capitolare sotto i colpi di Attanasio e Palumbo, che hanno chiuso definitivamente i conti. Per via di questo risultato, passa il minigironcino di Coppa la Fulgor Octajano, per via della miglior differenza reti.
LA CRONACA
E’ il Futsal Nuceria a passare subito in vantaggio al 2’, grazie a Barba che sfrutta un errore in uscita di Di Bello. La partita è viva fin dai primi minuti, la Salernitana reagisce con Diodato, para Ianniello, e poi Ierardi, che manda di poco a lato su una bella azione con capitan Diodato. E’ il miglior momento della formazione granata, che va vicina per due volte al gol con Del Gaizo e Capolupo, prima di pareggiare i conti al minuto 16 e 23, grazie ad una bellissima azione finalizzata da Erika Linza, al rientro dopo l’infortunio alla caviglia. Gol del pari che dura però solo pochi secondi, Attanasio esplode un bel destro sotto la traversa e riporta le sue in vantaggio. Al 18’ Nuceria ancora vicina al gol: azione di ripartenza, Gambardella con uno scavetto supera Di Bello ma, quasi sulla linea, Pisani di testa compie un intervento miracoloso, salvando il risultato. E’ il preludio al secondo pareggio granata: Linza se va in mezzo, calcia sul secondo palo e Borrelli come un falco siglia il 2-2, realizzando il suo primo gol stagionale.
Nel secondo tempo, Taffarel fa esordire Linzalone, portiere ex Città di Taranto. Prima occasione del match è di Pisani, che manda a lato da buona posizione. Come nella prima frazione, però, ad aprire le marcature è il Futsal Nuceria, con Foddai che da posizione laterale, di esterno destro, supera Linzalone. Al 4’ la formazione di casa colpisce il palo con Lamberti, poi è il turno delle granatine, che dal 5 al 8’ minuto hanno tre nitide palle gol: Diodato dalla distanza, Ianniello si supera, Borrelli da due passi, ancora decisiva Ianniello. Poi un contropiede 3 vs 0, non finalizzato a meglio dalla stessa Borrelli. La rete sembra non voler arrivare, ma ci pensa capitan Diodato, al 9’ a ristabilire i conti con un bel diagonale. 3 a 3 e Salernitana, a cui basta un pareggio, virtualmente qualificata. Il pareggio, però, anche questa volta dura poco: Attanasio, da situazione di fallo laterale, trova un preciso destro dalla distanza su cui Linzalone non può nulla. Gli ultimi 10’ minuti di gioco vedono la Salernitana, in maniera arrembante, cercare la rete del 4-4. Protagonista Ianniello, che sventa i tentativi di Del Gaizo, Diodato e Linza. Dall’altra parte risponde presente anche Linzalone, che con un paio di interventi super, tiene in vita il risultato fino alla fine. Ad un minuto dalla fine Taffarel prova la carta del portiere di movimento: nulla da fare, anzi è il Nuceria a siglare il 5-3, a porta sguarnita, sulla sirena con Liliana Palumbo.
TABELLINO DEL MATCH
FUTSAL NUCERIA – SALERNITANA FEMMINILE 5-3(2-2 P.T.)
FUTSAL NUCERIA: Ianniello, Attanasio, Lamberti C., Barba, Foddai
Lamberti G., Amato, Palumbo, D’Urso, Dello Ioio, Tirozzi, Gamardella. All. Dello Ioio
SALERNITANA FEMMINILE: Di Bello, Pisani, Diodato, Ierardi, Borrelli
Del Gaizo, D’Amico, Linza, Capolupo, Pecoraro, Linzalone. All. Taffarel
MARCATRICI: 4’40’’p.t. Barba(N), 16’28’’p.t. Linza(S), 16’30’’p.t. Attanasio(N), 18’40’’p.t. Borrelli(S), 3’10’’s.t. Foddai(N), 9’10’’s.t. Diodato(S), 9’30’’s.t. Attanasio(N), 20’ s.t. Palumbo(N)
AMMONITE: Diodato(S)
ESPULSE: –
ARBITRI: Giovanni Beneduce(Nola), Andriy Baranov (Napoli). CRONO: Emilio Viviani(Nocera Inferiore).

“A volte un vincitore è semplicemente un sognatore che non ha mai mollato” 
(Nelson Mandela).