Home / CALCIO  / SALERNITANA, LE PAGELLE: MALE BERNARDINI, PESSIMA PROVA PER GABIO E FRANCO

SALERNITANA, LE PAGELLE: MALE BERNARDINI, PESSIMA PROVA PER GABIO E FRANCO

Di seguito i voti ai calciatori della Salernitana dopo la partita contro lo Spezia:

Terracciano 6: evita la capitolazione con almeno quattro salvataggi provvidenziali, mezzo voto in meno perchè si addormenta sul gol di Sciaudone tuffanfosi goffamente

Ceccarelli 5,5: parte male, saltato puntualmente da Situm. Cresce con il passare dei minuti, ma è quasi nullo in fase offensiva

Bernardini 5: stavolta anche l’amuleto si inceppa. Calaiò è cliente scomodo, lui lo perde quasi sempre e va in bambola su tutte e tre le reti dello Spezia

Empereur 5: primo tempo di grande sostanza, come spesso gli capita si inceppa nella ripresa e dorme insieme a Franco sul gol dell’1-1

Franco 4: rischia l’espulsione a metà primo tempo, lo Spezia sulla sua fascia fa tutto quello che vuole. Serata nerissima, forse la peggior prestazione da quando indossa la maglia granata

Ronaldo 5,5: tecnicamente non si discute, ha il demerito di rallentare troppo la manovra con infruttuose giocate leziose. Predica nel deserto quando invita i compagni a ripartire con maggiore rapidità

Moro 4,5: continua ad essere lontano parente del calciatore ammirato in Lega Pro. Ennesima bocciatura

Zito 4,5: propizia ingenuamente il rigore del 2-1, sin lì anonimo e impalpabile

Gabionetta 4: il cartellino rosso rimediato certifica il suo momento no. Fino a quel momento nessun lampo, tanta corsa inutile ed il solito atteggiamento indolente

Coda 6: guadagna con bravura l’angolo dal quale nasce il gol del vantaggio, sesto in campionato, ma ancora una volta inutile. Si sta sbloccando, è questa l’unica nota positiva della serata

Oikonomidis 5: uno spunto interessante in avvio, poi si perde per strada

Donnarumma 5: perde tutti i palloni che tocca

Odjer 5: tanto fumo e poco arrosto, rischia il rosso con un paio di fallacci inutili

Torrente 4: cos’altro dovrà più sbagliare per essere esonerato? Formazione difensiva e rinunciataria, discutibili anche i cambi.