Home / APPROFONDIMENTI  / FIGC E CREDITO SPORTIVO: ACCORDO PER MIGLIORARE L’IMPIANTISTICA SPORTIVA

FIGC E CREDITO SPORTIVO: ACCORDO PER MIGLIORARE L’IMPIANTISTICA SPORTIVA

Firmata ieri la convenzione tra la Federazione Italiana Giuoco Calcio e l’Istituto per il Credito Sportivo che associa alla progettualità della Federcalcio le significative agevolazioni finanziarie studiate da ICS, nell’ambito della sua attività dedicata ai progetti di particolare utilità sociale ed economica per l’impiantistica sportiva.

Oggetto dell’accordo sono le priorità di intervento sull’impiantistica dedicata al calcio, nell’ambito di una programmazione organica finalizzata alla crescita del sistema infrastrutturale degli stadi, attraverso interventi di riqualificazione e di efficientamento energetico finalizzati all’adeguamento degli standard UEFA.

Nello specifico è stato elaborato un programma di finanziamento di 80 milioni di euro (messi a disposizione direttamente dal Credito Sportivo), destinato ad interventi infrastrutturali sugli stadi di calcio italiani e sugli impianti sportivi, mediante l’utilizzo di tassi di interesse agevolati (fino ad arrivare in alcuni casi al totale abbattimento degli interessi).

Tale plafond è destinato a società sportive affiliate alla FIGC, a Comuni proprietari degli impianti utilizzati dalle società sportive affiliate alla FIGC o ad altri soggetti privati proprietari o concessionari dell’impianto, di intesa con le società sportive che utilizzano lo stadio.

Tre le tipologie di progetti individuate:

– “Upgrade stadi”: per stadi più sicuri e con maggiori standard qualitativi, stadi che migliorano la classificazione UEFA e consentono di ospitare partite internazionali. Il plafond destinato è di 25 milioni di euro. I destinatari possono godere di finanziamenti a tasso zero fino all’importo massimo di € 500.000 per ciascun beneficiario da destinare ai Comuni proprietari degli impianti o alle società calcistiche concessionarie;

– “Stadi e centri sportivi energeticamente efficienti”: per interventi volti a ridurre i costi di gestione e a creare beneficio all’ambiente viene destinato un plafond di 20 milioni  euro a tasso molto agevolato per finanziamenti singoli di max 500.000 euro ciascuno. Con i tassi attuali i Comuni proprietari otterrebbero finanziamenti a 15 anni al tasso di 0,60% e i club calcistici proprietari o concessionari pagherebbero un tasso dell’1,75% per mutui a 10 anni;

“Centri federali territoriali”: da costituire in tutto il Paese per la valorizzazione e la formazione tecnico sportiva di giovani calciatori e calciatrici tra i 12 ed i 14 anni.  Il plafond dedicato è di 10 milioni di euro destinato ai finanziamenti a 15 anni senza interessi per tutti gli interventi di realizzazione e ristrutturazione dei centri sportivi federali.

Si ricorda, infine, che presso l’Istituto per il Credito Sportivo è disponibile il “Fondo di Garanzia per l’impiantistica Sportiva”, a cui le società sportive possono accedere per ottenere una garanzia fino al 60% dell’operazione (al riguardo clicca qui per leggere l’articolo del 9 febbraio 2016).

Il miglior modo per predire il futuro è crearlo!